Ipoteche

Rimborsare l’ipoteca: conviene sempre?

Chi possiede una casa si chiede sempre più spesso se rimborsare l’ipoteca prima di andare in pensione o in caso di ulteriore aumento dell’inflazione convenga davvero.

Adrian Wenger

Esperto in ipoteche

In molti Paesi europei, le ipoteche devono essere obbligatoriamente rimborsate per intero al più tardi quando si va in pensione. In Svizzera tale obbligo non esiste – e non è nemmeno una pratica diffusa. Una indagine di VZ VermögensZentrum sui proprietari di beni immobili in Svizzera rileva che solo uno su tre riduce il debito ipotecario – in media del 30 percento. Nessuno insomma la rimborsa per intero, la maggior parte dei proprietari mantiene il debito invariato.

A seconda delle circostanze, rimborsare l’ipoteca può essere lungimirante. Tuttavia, a tale scopo vengono solitamente impiegati gli averi accumulati in cassa pensioni e pilastro 3a. Prima di procedere in tal senso, è meglio valutare tutti i pro e i contra.

  • L’ammortamento riduce i costi generati dagli interessi – il che è tranquillizzante, in quanto, una volta in pensione, è auspicabile vivere senza preoccupazioni, specie di natura finanziaria.
  • Un rimborso compromette la propria flessibilità economica, fondamentale per eventuali lavori di ristrutturazione, spese impreviste o anticipi sull’eredità.
  • Se, ad esempio, il costo della vita è più elevato di quanto si pensasse o in caso di spese di cura impreviste, c’è il rischio di restare senza liquidità.
  • Dopo il pensionamento, ottenere un rifinanziamento dell’ipoteca è più difficile: molte banche lo rifiutano, poiché ritengono che le rendite non possono bastare per coprire gli interessi e le spese accessorie.
  • A seguito di un ammortamento, solitamente, aumenta anche l’onere fiscale perché non sarà più possibile dedurre gli interessi maturati sui debiti – ridotti o spariti del tutto.
  • Alcuni proprietari di case vendono titoli al fine di rimborsare l’ipoteca con il rispettivo ricavo. IL rischio, è quello di vendere nel momento sbagliato e di accusare perdite ingenti.
  • Il denaro vincolato all’abitazione non si può investire. Il profitto perso viene compensato in genere risparmiando sugli interessi. Sul lungo termine, si riesce ad ottenere un buon rendimento: questo, a seconda dell’entità del rischio che si vuole e si può correre, è più elevato del risparmio fiscale generato dall’ammortamento.

Segua l’andamento dei tassi e del mercato ipotecario e riceva preziosi consigli per la sua strategia:

Consiglio: verifichi alcuni anni prima del pensionamento se e come deve rimborsare la sua ipoteca. Non ammortizzi l’ipoteca troppo in fretta e tenga da parte una riserva sufficiente per poter coprire uscite impreviste.