Imposte

Trasferimento dei profitti aziendali nella sostanza privata con agevolazioni fiscali

Gli imprenditori sono in genere fiscalmente più avvantaggiati se versano regolarmente gli utili non essenziali per l’operatività aziendale sotto forma di salari o dividendi, invece di depositarli in seno alla società.

Oliver Cazzonelli
Esperto in imposte

I titolari di una società anonima (SA) o di una società a garanzia limitata (Sagl) che distribuiscono gli utili della propria azienda sotto forma di dividendi sono doppiamente tassati: l'imposta sull’utile viene riscossa sui profitti e l'imposta sul reddito sui dividendi. A causa di questa doppia tassazione, molti titolari di aziende preferiscono tenere gli utili all’interno dell'azienda piuttosto che convertirli in sostanza privata.

A lungo termine, però, i conti potrebbero non tornare, in quanto le imposte possono rivelarsi più elevate in caso di una futura vendita dell'azienda. Inoltre, le società con riserve consistenti e non essenziali per l'operatività aziendale sono più difficili da vendere o da lasciare in eredità rispetto a quelle che hanno solo riserve utili per garantire le attività aziendali. È quindi auspicabile che gli imprenditori versino regolarmente gli utili non operativi sotto forma di salari o dividendi.

Il fatto che su queste distribuzioni non siano dovuti i contributi AVS, a condizione che i titolari ricevano un salario adeguato, depone a favore del versamento sotto forma di dividendo. Allo stesso tempo, il governo federale e quasi tutti i cantoni tassano solo una parte dei dividendi se la partecipazione nella società è almeno del 10 percento. La quota imponibile per il governo federale è del 70 percento. Varia da cantone a cantone, anche se tutti i cantoni richiedono che venga tassato almeno il 50 percento dei dividendi.

A differenza dei dividendi, i contributi AVS devono essere versati sui salari. Tuttavia, può essere più interessante per gli imprenditori ricevere un salario maggiore sotto forma di dividendo, in quanto così hanno maggiori possibilità di ottimizzazione fiscale in termini di cassa pensioni.

Sfruttare appieno le possibilità ammesse dalla legge

Le conseguenze fiscali del versamento di salari e dividendi possono essere attutite tramite i versamenti volontari nella cassa pensioni. Conviene quindi sfruttare appieno le possibilità ammesse dalla legge nel quadro del piano previdenziale della cassa pensioni. Se il salario assicurato e i contributi di risparmio annuali vengono aumentati, i premi di risparmio aggiuntivi riducono il reddito imponibile. Inoltre, con l'ampliamento delle prestazioni previdenziali, il potenziale di riscatto è spesso di gran lunga maggiore.

Molti titolari di ditte individuali o di società di persone non hanno creato un secondo pilastro, o lo hanno fatto in modo del tutto inadeguato. Conviene quindi rivederlo e/o ampliarlo. Altrimenti, al termine dell’attività lucrativa, dovranno fare affidamento esclusivamente sui proventi della vendita dell'azienda per assicurarsi un reddito sufficiente durante la pensione.