Imposte

Pensionamento: quanto è possibile risparmiare in tasse

Chi ottimizza il proprio onere fiscale a tempo debito riesce a mettere da parte decine di migliaia di franchi.  

Oliver Cazzonelli
Esperto in imposte

È auspicabile avviare una pianificazione fiscale già 10-15 anni prima di cessare l’attività lavorativa, al fine di sfruttare tutte le opportunità di ottimizzazione. Una coppia sposata che avvia provvedimenti mirati già a partire dai 50 anni paga nei decenni successivi fino a 121’000 franchi di tasse in meno, come si evince dalla tabella qui di seguito riportata. 

I versamenti volontari in cassa pensioni (riscatti CP) e nel pilastro 3a rappresentano per la maggior parte degli assicurati il modo più efficace per risparmiare denaro anno dopo anno. La coppia dell’esempio paga, solo grazie a questi due provvedimenti, ben 78’000 franchi di tasse in meno, versando i riscatti in cassa pensioni a più riprese e l’importo massimo nel terzo pilastro ogni anno.

Inoltre, decide di distribuire i prelievi degli averi previdenziali su più anni anziché riscuoterli tutti assieme. In questo modo, risparmia quasi 4500 franchi di tasse in più. Gli averi del pilastro 3a e quelli di libero passaggio possono essere riscossi fino a cinque anni prima dell’età AVS ordinaria.

Scheda informativa

Come risparmiare sulle imposte quando si va in pensione

Scopra come riuscire ad ottimizzare le entrate imponibili dopo il pensionamento. 

La moglie si fa versare i suoi averi di libero passaggio, investiti in titoli, solo a 69 anni piuttosto che a 64, risparmiando ulteriori 5100 franchi di tasse. Rinviare il prelievo è auspicabile, in quanto gli averi depositati in una fondazione di libero passaggio non vengono tassati come sostanza e nemmeno i proventi da dividendo sono soggetti all’imposta sul reddito. 

In futuro, questa opportunità di risparmio fiscale verrà meno: nell’ambito della riforma AVS, infatti, il Consiglio federale intende circoscrivere la possibilità di rinvio alle sole persone che effettivamente continuano a lavorare dopo i 65 anni.

L’entità delle imposte dopo il pensionamento dipende anche dalle modalità di riscossione degli averi di cassa pensioni – se in forma di rendita o di capitale. La rendita è tassabile al 100 percento come reddito, mentre il capitale viene tassato una sola volta al versamento, separatamente dal restante reddito e a un’aliquota fiscale inferiore. Scegliere di riscuotere il capitale è pertanto, dal punto di vista fiscale, più appetibile della rendita.

La coppia sposata dell’esempio ha valutato attentamente le opportunità e i rischi della riscossione in forma di capitale decidendosi, come molte coppie, a combinare le due opzioni: il marito si fa versare il capitale, la moglie percepisce la rendita. Riusciranno così a risparmiare fino a 85 anni ben 34'000 franchi di tasse.

Vuole evitare di pagare più tasse del dovuto? Ordini la scheda informativa gratuita oppure interpelli un esperto presso la succursale VZ a lei più vicina.