Eredità: cosa farne?

Dopo aver ricevuto un'eredità è necessario riconsiderare la propria situazione finanziaria. Molti eredi si scoprono incerti su come investire al meglio il denaro ereditato.

In Svizzera, ogni anno vengono lasciati in eredità molti miliardi di franchi. Tuttavia il denaro ereditato è ripartito sull'intera popolazione in modo differente. Secondo uno studio del Fondo Nazionale del 2007, tre quarti dell'intero patrimonio trasmesso in eredità nel 2000 è andato ad appena il 10 percento degli eredi. Le eredità più contenute ammontavano a circa il 2 percento dell’intera somma e sono state divise tra oltre il 50% di tutti gli eredi.

Ripartizione delle somme ereditate tra i beneficiari

Somma ereditata Quota dell'intera somma Percentuale eredi
> CHF 5 milioni 30,9% 0,6%
Da CHF 1 a 4,99 milioni 29,2% 4,1%
Da CHF 0,5 a 0,99 milioni 13,8% 5,5%
Da CHF 0,1 a 0,49 milioni 21,7% 25,9%
Da CHF 50'000 a 100'000   2,5% 9,4%
Da CHF 0 a 50'000  2,0% 54,4%

Fonte: "Erben in der Schweiz", Heidi Stutz, Tobias Bauer, Susanne Schmugge (2007)

Oggi a ereditare sono soprattutto gli over 55

Chi vive in paesi ricchi diventa sempre più longevo. In Svizzera, una volta in pensione, gli uomini continuano a vivere in media ancora 19 anni; le donne addirittura 22. La maggior parte dei figli riceve pertanto l'eredità dai propri genitori quando sta per andare – o è già – in pensione. Ancora nel 1980 i due terzi degli eredi avevano un'età inferiore ai 55 anni, mentre nel 2000 solo circa la metà di tutte le eredità veniva trasmessa a beneficiari con età inferiore ai 55 anni. Fino al 2020, tale quota è destinata a ridimensionarsi ulteriormente – presumibilmente a un terzo.

La maggior parte dei beneficiari dunque eredita oggi in un'età in cui ha già messo soldi da parte e la necessità di un capitale non è più molto urgente. Un'eredità sostanziosa tuttavia condiziona l'intera situazione patrimoniale. E questo perché in genere non si eredità semplicemente una somma di denaro, bensì una casa, un portafoglio di titoli, delle partecipazioni aziendali o altri oggetti che tutt'al più si adeguano solo fortuitamente alla strategia patrimoniale e al capitale attuale.

Ottimizzare la struttura del patrimonio dopo aver ricevuto un'eredità

Per far rendere al meglio la sua eredità, deve innanzi tutto riconsiderare la sua situazione finanziaria nel suo complesso.

  • Come si presenta oggi la sua situazione personale e famigliare? Come cambierà nei prossimi anni?
  • Dispone di sufficienti liquindi per gli acquisti e gli investimenti in programma?
  • Il suo patrimonio, una volta integrata l'eredità, risulta ancora investito in modo sicuro e redditizio? Oppure deve modificare la strategia d'investimento?
  • Quali parti dell'eredità è meglio integrare nel patrimonio e cosa è meglio vendere?
  • A quanto ammonteranno ora l'imposta sul reddito e l'imposta sulla sostanza?
  • Rispetto alla crescita del patrimonio, ha vincolato troppo o troppo poco capitale alla sua casa o alla sua azienda?
  • Cosa cambia per la sua previdenza di vecchiaia?

È auspicabile far analizzare la sua situazione finanziaria da un consulente indipendente. Un esperto può aiutarla ad integrare il suo patrimonio alla nuova situazione. L'obiettivo dell'analisi è quello di ottenere con investimenti mirati il miglior rapporto tra rischio, rendimento e liquidità nonché di ridimensionare al minimo l'onere fiscale.

A cosa deve prestare attenzione investendo il suo denaro

Consulenza indipendente in materia di investimenti e gestione patrimoniale

Scheda informativa "Il gestore patrimoniale giusto"

Condividi questa pagina