Imposta di successione: quanto è possibile risparmiare?

Eredità, donazioni e anticipi sull'eredità sono soggetti in Svizzera all'imposta di successione e di donazione. Esentati da tale imposta i coniugi e, nella maggior parte dei cantoni, i discendenti diretti. Gli altri parenti o beneficiari senza alcun legame di parentela devono pagare invece imposte anche molto elevate.

Chi desidera lasciare in eredità o donare beni patrimoniali a persone obbligate a versare imposte di successione dovrebbe verificare la possibilità di ottimizzare l'onere fiscale: vie di risparmio percorribili sono il trasferimento in un altro cantone, l'acquisto di un immobile in un cantone fiscalmente vantaggioso, lo scaglionamento dell'eredità, la donazione per vie traverse o una sostituzione fedecommissaria. 

Tariffa fiscale

Risparmiare sulle imposte di successione e donazione

Ai fini fiscali, la maggior parte dei cantoni non fa distinzione tra successioni e donazioni. Entrambe le imposte vengono riscosse dal cantone in cui ha vissuto il donatore o il testatore. I beni mobili, come ad esempio denaro contante, avere in conto, titoli, sono soggetti a imposta nel cantone in cui il donatore o il testatore era domiciliato al momento della successione o della donazione. I beni immobili invece vengono tassati prevalentemente nel luogo in cui sono ubicati. Nella maggior parte dei cantoni l'entità dell'imposta di successione si basa sul grado di parentela.

Diritto successorio

Chi eredita quanto

Se il defunto non ha dato istruzioni su chi deve ereditare il suo patrimonio, l'eredità viene suddivisa in base alle disposizioni previste per legge.

Sono però rari i casi in cui questa ripartizione corrisponde alle volontà del defunto. La successione legittima si basa sul grado di parentela e non sulla vicinanza affettiva alla persona deceduta. Il coniuge superstite e i figli sono gli eredi principali, gli altri parenti vengono presi in considerazione solo in seconda battuta. La legge non definisce solo gli eredi, ma anche la quota di eredità a essi spettante.

Acquisto d'immobili

Risparmiare sulle imposte di successione con l'acquisto di un immobile

Sugli immobili si applicano generalmente le tariffe fiscali del cantone in cui si trova il terreno, la casa o l'appartamento.

Chi acquista una casa in un cantone con tariffe fiscali basse può donarla quando è ancora in vita, ottenendo le rispettive agevolazioni fiscali. Se invece l'immobile viene trasmesso agli eredi a decesso avvenuto, possono essere applicate le relative imposte di successione presso il domicilio del defunto. Determinante è la quota ereditaria, ovvero la quota di un erede sull'intera successione, e non il fatto che erediti beni mobili o immobili.

Donazione

Pagare meno imposte di successione grazie alla donazione

Chi desidera risparmiare sulle imposte di successione può ricorrere a una donazione per vie traverse.

Se ad esempio si intende regalare una casa al proprio figlio e alla nuora, è consigliabile trasferirla dapprima al figlio. Dal momento che nella maggior parte dei cantoni i discendenti diretti sono fiscalmente esenti, non vi è l'obbligo di pagare alcuna imposta. Il figlio può regalare successivamente a sua moglie la metà dell'importo senza dover pagare imposte.

Sostituzione fedecommissaria

Eredi istituiti ed eredi sostituiti

In alcuni casi si possono risparmiare imposte sulla successione inserendo eredi istituiti ed eredi sostituiti. A tale scopo occorre definire da un lato chi erediterà subito il patrimonio e, dall'altro, a chi andrà dopo il decesso di questo erede istituito.

Il cosiddetto obbligo di garanzia serve a tutelare gli eredi sostituiti facendo in modo che una parte di eredità resti a loro: l'erede istituito può infatti solo amministrare il patrimonio gravato da una sostituzione fedecommissaria e trattenerne i proventi, a meno che il testatore non abbia disposto l'esatto contrario.

Scaglionare l'eredità

Vantaggi fiscali grazie agli anticipi di eredità

In alcuni cantoni risulta vantaggioso scaglionare su più anni gli anticipi di eredità e le donazioni in modo da ovviare agli effetti della progressione fiscale. Ereditando in anticipo un patrimonio o parte di esso, la futura crescita di valore non viene più assoggettata all'imposta di successione o di donazione.

Questo può determinare una considerevole riduzione delle imposte, soprattutto in caso di azioni o di altri valori patrimoniali con grande potenziale di crescita.

Condividi questa pagina