Il pensionamento anticipato

Un pensionamento anticipato non è certo a buon mercato. Tuttavia, scegliere di abbandonare la vita lavorativa prima del dovuto può rivelarsi proficuo se si pianifica tale opzione a tempo debito.

 

Come ovviare alle lacune reddituali

Chi va in pensione in anticipo deve cercare di ovviare alle lacune reddituali che si verificano tra il pensionamento anticipato e quello ordinario. Al tal fine, particolarmente adatti sono i risparmi a titolo privato, come i versamenti 3a. Questi possono essere riscossi in linea di massima fino a cinque anni prima dell’età AVS.

Altrettanto indicati sono i capitali versati dalle assicurazioni sulla vita – a patto che il rispettivo versamento venga effettuato durante il prepensionamento. Spesso disdire la polizza in anticipo non è una scelta conveniente, poiché ne consegue una perdita del valore di riscatto.

La rendita AVS si può percepire già uno o due anni prima dell’età pensionabile ordinaria e la maggior parte delle casse pensioni autorizza in genere la corresponsione delle prestazioni di vecchiaia già a partire dai 58 o 60 anni. Questo tuttavia genera riduzioni importanti delle rendite: nel secondo pilastro, dal 3 al 5 percento per ogni anno di versamento anticipato. Pertanto, chi va in pensione a 63 anni piuttosto che a 65, vede ridimensionarsi la propria rendita dal 6 al 10 percento.

Anche il primo pilastro applica riduzioni significative. Queste sono fisse: 13,6 percento se l’anticipo è di due anni, 6,8 percento se l’anticipo è pari a un anno. Molte casse pensioni offrono a chi opta per il prepensionamento una rendita transitoria mediante cui schivare l’opzione della riscossione anticipata della rendita AVS.

Una ulteriore fonte di finanziamento può essere anche la casa di proprietà: si può aumentare il debito ipotecario e utilizzare il denaro per colmare la lacuna reddituale. Molte banche tuttavia negano ai più anziani l’aumento dell’ipoteca. Il motivo addotto è la scarsa sostenibilità. E questo anche se i titolari riuscirebbero a far fronte a un’ipoteca più elevata, grazie a tassi ipotecari particolarmente bassi.

Torna a inizio pagina

Quanto costa un pensionamento anticipato?

I costi di un pensionamento anticipato a 64 anni corrispondono a quasi un anno di stipendio. Viene di fatto a mancare il reddito di un anno intero, al netto delle imposte sul reddito più basse e dei contributi AVS delle persone senza attività lucrativa. Questi ultimi vanno pagati fino all’età AVS ordinaria. Inoltre, a seguito dell’anticipo, si riducono la rendita AVS e quella di cassa pensioni – a vita.

Se un uomo non coniugato sceglie di andare in pensione anticipata a 64 anni anziché a 65, il pensionamento gli costerà circa 100'000 franchi (si veda la tabella); a 62 anni, circa 300'000 franchi.

Torna a inizio pagina

Sempre più casse pensioni offrono la possibilità di compensare la riduzione delle prestazioni in caso di prepensionamento con riscatti volontari. Gli assicurati che hanno già effettuato versamenti facoltativi in cassa pensioni per le prestazioni regolamentari complete possono versare anche riscatti supplementari.

Tuttavia, le prestazioni di vecchiaia complementari possono superare per entità quelle del pensionamento ordinario al massimo del 5 percento. Si tratta di un limite che viene comunque superato se si lavora più a lungo del previsto. Rinviando il pensionamento si ha un doppio vantaggio: proseguimento del versamento dei contributi nella cassa pensioni e aumento dell’aliquota di conversione delle rendite.

Faccia attenzione: prima di effettuare riscatti volontari, chieda alla sua cassa pensioni cosa succede con il capitale pagato in più. Di norma, questo va a beneficio della cassa pensioni stessa.

Torna a inizio pagina

Quanto è diffuso il pensionamento anticipato?

Secondo uno studio svolto nel 2018 da VZ VermögensZentrum su 1588 partecipanti agli incontri informativi sul pensionamento, a prendere in considerazione un pensionamento anticipato è quasi la metà degli intervistati. Che il pensionamento anticipato non resti solo una chimera lo dimostrano le cifre fornite dall’Ufficio federale di statistica: nel 2016, il 49 percento dei nuovi pensionati e il 43 delle nuove pensionate hanno percepito le prestazioni del secondo pilastro in anticipo, mentre solo il 9 percento degli aventi diritto ha scelto di anticipare la rendita AVS. Questo perché, spesso, anticipare la rendita AVS spesso non conviene.

Torna a inizio pagina

Pensionamento parziale: la valida alternativa al pensionamento anticipato

Se il pensionamento anticipato è troppo costoso, è possibile ridurre il proprio grado occupazionale. In  questo modo, il reddito generato dall’attività a tempo parziale continua ad essere soggetto all’obbligo contributivo. L’obbligo contributivo è pertanto soddisfatto e non sono dovuti ulteriori contributi AVS, come avviene normalmente nel caso di un pensionamento anticipato effettivo. 

Un pensionamento graduale può anche essere fiscalmente vantaggioso, specie se si riscuote l’avere di cassa pensioni in forma di capitale. Se i prelievi vengono effettuati a scaglioni, si pagano meno imposte perché si elude la progressione fiscale risultante a un prelievo unico dell’intero capitale.

La maggior parte delle autorità fiscali accetta due prelievi di capitale in anni diversi. Chi prevede tre o più prelievi dovrebbe farsi confermare preventivamente dall’autorità fiscale la regolarità di questa procedura.

Presso alcune casse pensioni, chi riduce il grado occupazionale dopo i 58 anni può assicurare l’intero salario sino ad allora percepito fino all’età di pensionamento ordinaria – a patto che, a seguito della riduzione del grado occupazionale, guadagni almeno il 50 percento e non percepisca ancora alcuna prestazione di vecchiaia. Così le prestazioni di vecchiaia sono identiche a quelle previste senza nessuna riduzione del grado occupazionale.

Il datore di lavoro deve unicamente farsi carico dei contributi di cassa pensioni calcolati sul salario effettivo. I restanti contributi di risparmio e i premi di rischio sulla quota salariale fittizia sono a carico dei dipendenti.

Torna a inizio pagina

Quanto costa un pensionamento anticipato
Esempio: uomo non coniugato, salario netto 90’000 franchi, salario LPP assicurato 80’000 franchi
Quanto costa un pensionamento anticipato

Condividi questa pagina