Investimenti: a cosa deve prestare attenzione

Chi vuole investire il proprio denaro autonomamente deve innanzi tutto definire una strategia. Questa stabilisce quale quota del capitale debba essere investita in quali classi d'investimento, come azioni e obbligazioni. In Svizzera, gli investitori possono scegliere tra oltre 1000 fondi di investimento, tenendo presente e valutando la propria situazione finanziaria e i propri obiettivi. Una procedura strutturata aiuta a trovare i fondi d'investimento più adatti. 

Strategia d'investimento

Trovare la strategia d'investimento giusta

Una strategia d'investimento adatta è il risultato di decisioni scrupolose. Affinché si riveli conforme a esigenze, obiettivi e opportunità individuali, bisogna rispondere a domande ben precise. Su quale capacità di rischio e quale propensione al rischio si può contare? Come si presenta la struttura del patrimonio? E a quanto ammontano le spese? La struttura degli investimenti è di facile comprensione e trasparente? Le risposte alle domande più importanti su rischi e rendimento rappresentano le basi per ottenere investimenti riusciti.

Poiché la situazione individuale può cambiare, la strategia d'investimento va rivista a intervalli di tempo regolari. Al momento del pensionamento, ad esempio, la strategia d'investimento va ridefinita: una volta in pensione, infatti, la priorità non è più costituire un patrimonio ma la sua erosione controllata.

Propensione al rischio

Rilevare la propensione al rischio individuale

Determinanti per la strategia d'investimento sono la durata dell'investimento stesso, la capacità di rischio e la propensione al rischio. Molti investitori sono esperti in materia e possono dunque rilevare autonomamente la propria propensione al rischio.

Gli investitori con una propensione al rischio bassa riescono a gestire oscillazioni al massimo pari a +/– 5 percento del valore del patrimonio investito; quelli con una propensione al rischio media possono invece confrontarsi con oscillazioni più importanti, pari a +/– 10 percento del valore del patrimonio investito. Chi invece presenta una propensione al rischio elevata riesce a tollerare oscillazioni pari a +/– 18 percento. Più alta è la propensione al rischio, maggiore è la quota del patrimonio che può essere investita in azioni. Un investitore cauto che investe ad esempio 300'000 franchi, deve considerare oscillazioni annue di +/– 15'000 franchi. Se è pronto a correre un rischio più elevato, la quota di oscillazione si eleverà a +/– 50'000 franchi.

Spese

Spese contenute e trasparenti

Molti investitori trascurano i costi: spesso ignorano completamente a quanto ammontano le spese che la banca addebita loro per l'acquisto, la vendita e la custodia dei titoli. Un check up del deposito indipendente rileva i costi eccessivi nonché nascosti.

Spese elevate indeboliscono notevolmente la performance del portafoglio. Tra le banche di deposito vi sono grandi differenze in termini di costi. Passando a una banca che offre condizioni migliori, gli investitori possono risparmiare a volte fino al 90 percento delle spese. La banca di deposito non dovrebbe però limitarsi a offrire condizioni favorevoli, bensì anche un buon servizio e rapporti di performance esplicativi. Il rendimento netto deve essere chiaramente indicato sull’estratto di deposito.

Check up del deposito

Analisi indipendente del deposito titoli

Molti investitori trascurano i costi: spesso ignorano completamente a quanto ammontano le spese che la banca addebita loro per l'acquisto, la vendita e la custodia dei titoli. Un check up del deposito indipendente rileva i costi eccessivi nonché nascosti.

Spese elevate indeboliscono notevolmente la performance del portafoglio. Tra le banche di deposito vi sono grandi differenze in termini di costi. Passando a una banca che offre condizioni migliori, gli investitori possono risparmiare a volte fino al 90 percento delle spese. La banca di deposito non dovrebbe però limitarsi a offrire condizioni favorevoli, bensì anche un buon servizio e rapporti di performance esplicativi. Il rendimento netto deve essere chiaramente indicato sull’estratto di deposito.

ETF

Investire in modo intelligente e vantaggioso in Exchange Traded Fund

Gli Exchange Traded Fund (ETF) sono fondi passivi che, a differenza dei fondi di investimento tradizionali, non necessitano di una gestione attiva. Non tentano di battere un indice definito vendendo o acquistando titoli in base alle loro prospettive; al contrario, gli ETF hanno l'obiettivo di replicare il più esattamente possibile l'indice di riferimento.

Poiché non si procede ad alcuna scelta attiva dei titoli, gli ETF sono molto più convenienti dei fondi gestiti attivamente. Tuttavia, proprio per questo motivo, gli investitori devono rinunciare all'opportunità di un rendimento maggiore rispetto all'indice di riferimento.

Investimenti basati su regole fisse

Investire in base a regole fisse

Molti investitori si lasciano influenzare dalle proprie emozioni e sensazioni piuttosto che farsi guidare da analisi sistematiche di fatti e cifre. Comprano e vendono titoli d'istinto – il che può spesso rivelarsi un fatale errore.

I modelli basati su regole fisse vengono applicati escludendo ogni influenza umana al momento della decisione d'investimento. Si basano su regole rigorosamente definite, al quale l'investitore si attiene in modo coerente: questo è ciò che più conta nelle fasi più turbolente dei mercati finanziari. Per i modelli di investimento basati su regole fisse è fondamentale che le regole siano definite prima del primo investimento e che vengano applicate in totale assenza di emozioni.

Condividi questa pagina