Consigli sulla previdenza: AVS, cassa pensioni, terzo pilastro

Newsletter del 1° aprile 2021

Si tenga regolarmente aggiornato sui temi concernenti l'AVS, la cassa pensioni e il terzo pilastro. In questo modo può pianificare il suo pensionamento per bene e a tempo debito.

Pensionamento: sfrutti tutte le opportuità di risparmiare sulle imposte

Molti contribuenti non colgono l’opportunità di ottimizzare l’onere fiscale a tempo debito. In questo modo perdono parecchio denaro – che mancherà loro durante la vecchiaia. È un peccato, perché in vista del pensionamento ci sono molte occasioni per risparmiare sulle imposte.

Da tempo, le rendite non bastano più a garantire il mantenimento del tenore di vita abituale. Chi non vuole andare incontro a rinunce deve iniziare a risparmiare a tempo debito. Ottimizzando le imposte, è possibile mettere da parte migliaia di franchi in più.

Una coppia sposata che inizia a risparmiare in modo mirato e a ottimizzare le imposte già a partire dai 40 anni può riuscire a risparmiare nei decenni successivi circa 180'000 franchi.

Pensionamento: quante tasse può risparmiare una coppia sposata
Esempio: coniugi di 55 anni, Lugano, CHF 200'000 reddito imponibile (imposta ecclesiastica escl.). Marito: 7 riscatti CP à CHF 10'000, riscossione capitale CP CHF 350'000. Moglie: rendita CP, riscossione capitale libero passaggio CHF 100'000 a 69 anziché a 64 anni. Entrambi: CHF 125'000 a testa nel pilastro 3a.
Pensionamento: quante tasse può risparmiare una coppia sposata

Come si evince dal grafico, ci sono alcune misure che le permettono di ridimensionare il suo onere fiscale. Vale la pena attuare quelle più importanti.

1. Costituisca più riserve previdenziali

In genere, i versamenti volontari nella cassa pensioni (riscatti CP) e i contributi nel pilastro 3a rappresentano le misure più efficaci per risparmiare denaro anno dopo anno. La coppia presa a modello paga, grazie a questi due accorgimenti, ben 127'820 franchi di tasse in meno.

Ma attenzione: se riscuote l’avere tutto in una volta al momento del pensionamento, il risparmio fiscale si riduce drasticamente a seguito della progressione. È dunque consigliabile stipulare più pilastri 3a, da riscuotere a più riprese. Se possibile inoltre, distribuisca i riscatti di cassa pensioni su più anni e deduca l’importo corrispondente dal reddito imponibile annuo.

Il risparmio fiscale è tanto più sostanzioso quando più il reddito è alto, il che si verifica solitamente quando si è in vista del pensionamento. I versamenti si rivelano dunque ancora più redditizi se restano poco tempo nella cassa pensioni. Importante: i riscatti CP non vanno riscossi prima dei tre anni successivi al versamento, altrimenti sarebbero soggetti alle stesse imposte risparmiate proprio in virtù del riscatto.

2. Attinga alle riserve in anni diversi

Al momento del pensionamento, gli averi risparmiati vengono tassati una tantum come reddito, separatamente dalle altre entrate e a un’aliquota più contenuta. Per il calcolo dell’imposta le autorità fiscali sommano tutti i prelievi avvenuti in un anno e, nella maggior parte dei cantoni, di entrambi i coniugi.

Le tariffe variano da cantone a cantone. Più elevati sono i prelievi effettuati nel corso di un anno civile, maggiore sarà l’onere fiscale percentuale. Scaglioni pertanto i prelievi su più anni. Può riscuotere il capitale 3a fino a 5 anni prima dell’età AVS ordinaria, gli averi di cassa pensioni solitamente al momento del pensionamento.

3. Valuti bene tra rendita e capitale

Dopo il pensionamento, l’onere fiscale viene determinato in modo sostanziale dalla scelta di percepire gli averi di cassa in forma di rendita o riscuoterli come capitale. Fiscalmente, la seconda opzione è più appetibile. Il capitale versato diventerà parte del patrimonio, ma l’imposta sulla sostanza è più contenuta rispetto a quella sul reddito.  

La coppia presa a modello ha scelto una combinazione tra rendita e capitale: il marito riscuote il capitale, la moglie percepisce la rendita. Insieme risparmieranno fino a 85 anni 43'000 franchi di tasse. Valuti per bene qual è la scelta migliore tra rendita, capitale e la combinazione delle due opzioni, poiché questa avrà effetti di portata notevole.

4. Eviti trappole fiscali

Continuare a lavorare oltre l’età AVS può nascondere delle insidie. Se al salario si aggiungono le rendite di AVS e cassa pensioni, l’onere fiscale può aumentare vertiginosamente. Verifichi come ovviare a tali trappole. A seconda dei casi vale la pena rinviare la rendita di un paio d’anni. Alcune casse pensioni autorizzano ancora i riscatti. E se resta attivo, può seguitare a versare anche i contributi 3a, continuando così a risparmiare sulle imposte – gli uomini fino a 70 anni, le donne fino a 69.

Vuole prepararsi per bene e ottimizzare le imposte in vista del pensionamento? Ordini la scheda informativa gratuita "Imposte e pensionamento". Oppure fissi un appuntamento non vincolante presso la succursale VZ di Lugano.

Ordinare la scheda informativa "Imposte e pensionamento"

Fissare un appuntamento

Condividi questa pagina