Consigli sulla previdenza: AVS, cassa pensioni, terzo pilastro

Newsletter del 6 settembre 2019

Si tenga regolarmente aggiornato sui temi concernenti l'AVS, la cassa pensioni e il terzo pilastro. In questo modo può pianificare il suo pensionamento per bene e a tempo debito.

Rendite a picco: la situazione è seria

La maggior parte degli svizzeri si mostra fiduciosa riguardo la rendita AVS, mentre risulta incerta in merito a quella di cassa pensioni. Questo è quanto rilevato da un sondaggio svolto da VZ su circa 600 persone. Nonostante i dubbi, la maggior parte degli intervistati è convinta di riuscire a finanziare il suo pensionamento. Le sfugge forse la serietà della situazione?

Il nuovo barometro di VZ in materia di finanziamento mostra nero su bianco quanto siano diminuite le rendite. Nel 2002, un 55enne con uno stipendio annuo pari a 120'000 franchi poteva aspettarsi una rendita di circa 75'000 franchi. Oggi una persona con caratteristiche identiche può sperare di ottenere da AVS e cassa pensioni appena 60'000 franchi circa. Dal 2002 al 2019 dunque, le rendite presumibili sono scese quasi del 20 percento. Questo corrisponde a perdite di oltre 14'000 franchi l’anno, cioè 1200 franchi al mese (grafico).

Si tratta di una tendenza che potrebbe confermarsi nei prossimi anni. Aumenta pertanto la lacuna dei futuri pensionati. Il barometro di VZ lo rileva con un esempio concreto: le rendite di un uomo con un reddito annuo pari a 100'000 franchi costituiscono oggi appena il 55 percento dell’ultimo salario percepito. Nel 2002, le rendite erogate da AVS e cassa pensioni riuscivano ancora a coprirne assieme circa il 62 percento.

AVS e cassa pensioni: ammontare di rendita presumibile di un uomo di 55 anni che va in pensione tra dieci anni
Esempio: uomo di 55 anni, reddito lordo pari a 120'000 franchi, importo congelato (regime obbligatorio LPP 60'435 franchi, regime sovraobbligatorio 59'565 franchi); avere di vecchiaia 300'000 franchi (150'000 franchi in regime obbligatorio LPP); contributi di risparmio 18 percento (indicazioni in franchi)

Una cosa è certa: il reddito di tanti assicurati non basterà per mantenere l’abituale tenore di vita. Chi vuole andare in pensione senza preoccupazioni finanziarie dovrà risparmiare, a seconda dell’età, sempre di più. Lei oggi ha la possibilità di intervenire attivamente per far fronte al calo delle rendite. Qui di seguito, diverse opzioni.

Continui a lavorare oltre i 65 anni...

Se può e vuole, continui a lavorare oltre l’età pensionabile ordinaria. Rinviando la rendita AVS di un anno si ottiene una maggiorazione del 5,2 percento rispetto a quella ordinaria – a vita.

… oppure smetta di lavorare per gradi

Un pensionamento graduale aiuta a risparmiare sulle imposte. Riducendo il grado occupazionale dal 100 al 70 percento, si può riscuotere il 30 percento dell’avere previdenziale subito – e il resto una volta cessata l’attività lavorativa in via definitiva. E se scagliona i prelievi su più anni civili risparmia ancora di più, perché si interrompe la progressione fiscale.

Effettui riscatti volontari nella cassa pensioni

Con i riscatti volontari nella cassa pensioni può risparmiare sulle imposte. Il risparmio fiscale è tanto maggiore quanto più elevato è il reddito imponibile e quanto più velocemente viene prelevato nuovamente il denaro.

Sfrutti per intero il potenziale del pilastro 3a

Versi sempre i contributi nel terzo pilastro. Chi, a partire da 40 anni, versa l’importo massimo consentito, con un rendimento del 2 percento, risparmia ben 219'000 franchi fino a 65 anni. Iniziando a 55 anni, mette da parte comunque un capitale consistente, pari a 75'000 franchi: denaro che potrà spendere dopo il pensionamento.  

Attenzione alle spese e ai premi troppo elevati

Molti pagano inutilmente premi assicurativi troppo alti e commissioni bancarie sempre più esagerate. Tali costi divorano i risparmi. Confronti pertanto regolarmente i premi e le commissioni e valuti l’idea di cambiare banca o compagnia assicurativa. Chi vuole trascorrere la vecchiaia all’insegna della tranquillità economica deve investire il proprio denaro a lungo termine in modo redditizio. Per molti si rivelano particolarmente adatti investimenti indicizzati passivi come gli Exchange Traded Fund (ETF). Questi fondi sono convenienti e trasparenti e si possono distribuire ampiamente i rischi già a partire da piccole somme.

Vuole sapere se riuscirà a mantenere il suo abituale tenore di vita una volta in pensione? Gli esperti VZ le spiegano in dettaglio come fare. Ordini la scheda informativa gratuita Salvare la rendita oppure fissi direttamente un appuntamento non vincolante presso la succursale VZ di Lugano.

Ordinare la scheda informativa "Salvare la rendita"

Ordinare gratuitamente il barometro 2019

Fissare un appuntamento

Condividi questa pagina