Cassa pensioni

Riscuotere il capitale previdenziale pagando meno tasse

La riscossione degli averi di cassa pensioni è soggetta alla cosiddetta imposta sul versamento di capitale. Tuttavia, chi pianifica il prelievo degli averi in modo mirato e puntuale riesce a risparmiare diverse migliaia di franchi.

Michael Imbach

Responsabile Succursale VZ Lugano

Chi sceglie di riscuotere gli averi di cassa pensioni in forma di capitale – per intero o in parte – deve versare una tassa una tantum: la cosiddetta imposta sul versamento di capitale. Questa viene calcolata a un’aliquota più bassa e separatamente dalle altre entrate. Tuttavia bisogna muoversi alquanto in anticipo per verificare come contenere il più possibile l’onere fiscale. Qui di seguito consigli mirati.

1) Prelevare gli averi a più riprese

Le autorità fiscali sommano tutti i prelievi avvenuti nel corso di un anno, aggiungendo solitamente anche quelli eseguiti dal coniuge. Più elevato è il prelievo effettuato in un anno civile, maggiore è l’onere fiscale percentuale. Conviene pertanto scaglionare i prelievi degli averi depositati nelle diverse riserve previdenziali – vale a dire cassa pensioni, libero passaggio e pilastro 3a – su più anni proprio per interrompere la progressione.

Scheda informativa

Riscuotere il capitale previdenziale e risparmiare sulle tasse

Può ottimizzare il suo onere fiscale e risparmiare migliaia di franchi: legga come fare in questa scheda informativa. 

Consiglio: alla liquidazione del conto 3a, è obbligatorio prelevare l’avere depositato su tale conto per intero. Meglio dunque costituire più riserve previdenziali, cioè stipulare più pilastri 3a da poter riscuotere in tempi differenti al fine di ridurre la progressione fiscale in misura concreta. Gli averi 3a possono essere riscossi fino a cinque anni prima dell’età AVS ordinaria.

Chi continua a lavorare dopo l’età pensionabile ha la possibilità di rinviare anche il prelievo del suo pilastro 3a. Nello specifico, il rinvio è consentito fino a 70 anni per gli uomini e fino a 69 anni per le donne.

2) Valutare i vantaggi di un trasferimento

La differenza tra i diversi cantoni e comuni in termini di imposte sul versamento di capitale può essere enorme. Cifre alla mano: un uomo sposato, alla riscossione di un capitale di mezzo milione di franchi, a Bellinzona pagherebbe 29'312 franchi di tasse, a Coira 24'412 franchi mentre a Friburgo quasi 56'000 franchi – praticamente il doppio.

La tabella riporta gli importi fiscali 2022 (imposte federali, cantonali e comunali) applicati per la riscossione di capitale da parte di un uomo all'età di 65 anni. Indicazioni in franchi.

Consiglio: si possono sfruttare tali differenze, trasferendosi a tempo debito in un comune fiscalmente più vantaggioso.

3) Non considerare solo gli aspetti fiscali

Le imposte non sono tuttavia l’unico criterio da considerare nel decidere dove si vuole vivere dopo il pensionamento. Importanti sono anche la famiglia e gli affetti. Chi tuttavia sta valutando un trasferimento per ragioni fiscali deve calcolare anche i costi di affitto o acquisto di un’abitazione nella nuova località di residenza. E considerare pure le altre imposte – quelle relative a reddito, sostanza e successione – che potrebbero essere molto più elevate di quelle sul versamento del capitale.

4) Per gli imprenditori: imposte sul capitale anziché sul reddito

Chi è imprenditore può ripiegare sulle imposte sul versamento di capitale, solitamente più contenute rispetto a quelle sul reddito. Questo perché, se incrementano a tempo debito salario assicurato e contributi, aumenta il loro margine per i riscatti volontari in cassa pensioni. Hanno successivamente la possibilità di dedurre i riscatti dal reddito imponibile e le imposte sul versamento di capitale dovrebbero ridursi significativamente.

Vuole ottimizzare il suo onere fiscale per tempo? Ordini subito la scheda informativa gratuita. Oppure fissi un appuntamento non vincolante presso la succursale VZ di Lugano.