Previdenza

Pilastro 3a: tassi d'interesse attuali a confronto

In tema di interessi, le differenze tra le banche possono essere davvero enormi. Pertanto è auspicabile procedere a un confronto dei tassi con una certa regolarità e, se del caso, cambiare banca. Solitamente, è consentito trasferire gli averi 3a presso un'altra banca senza condizioni in termini temporali e a costo zero. Qui trova gli offerenti attualmente più quotati. 

Nel 2022, chi esercita un'attività lucrativa ed è affiliato a una cassa pensioni ha la possibilità di versare nel pilastro 3a l'importo massimo di 6883 franchi. Chi è senza cassa pensioni può dedurre il 20 percento del suo reddito di lavoro, per un massimo di 34'416 franchi. L'istituto previdenziale deve aver incassato l'importo deducibile entro e non oltre il 31 dicembre.

Consiglio: gli interessi potrebbero restare bassi ancora per molto tempo. Decade quindi l'effetto dell'interesse composto e il capitale cresce solo in virtù dei versamenti affettuati ogni anno. Chi resta fedele alla formula del conto interessi 3a deve accontentarsi pertanto di interessi praticamente nulli. Meglio passare a un'opzione più remunerativa. Con una soluzione 3a in titoli si accetta un rischio maggiore a corto termine, in cambio di un rendimento molto maggiore sul lungo termine – a condizione di scegliere una soluzione conveniente, come il pilastro 3a di ETF di VZ.