Investimenti

Il conflitto d’interessi delle banche intacca il rendimento

Molte banche non si limitano solo alla gestione patrimoniale, ma propongono anche prodotti finanziari propri come fondi d’investimento o prodotti strutturati, offerti spesso con incentivi illusori e a scapito del rendimento.

Gianmarco Amato

Esperto in investimenti

Solitamente, i depositi titoli amministrati dalle banche consistono in gran parte in prodotti della banca stessa. È una prassi comune, poiché le banche guadagnano di più sui propri prodotti che sui prodotti di terzi. Il guadagno è persino doppio se il cliente con mandato di gestione patrimoniale opta per prodotti della banca, grazie alle spese di gestione del deposito e ai costi dei prodotti.

Nell’ambito di un approfondito studio su come hanno investito gli svizzeri dal 2010 al 2019, VZ ha preso in esame oltre 28’000 depositi di banche in un periodo di osservazione di dieci anni. Dallo studio si evince che, negli ultimi anni, la quota di prodotti propri delle banche nei depositi dei clienti è sensibilmente aumentata. Quanto più elevata è questa quota, tanto maggiore è la probabilità che nel deposito titoli siano presenti soprattutto fondi d’investimento gestiti attivamente.

Scheda informativa

Check del deposito: gli errori più frequenti degli investitori

Questa pubblicazione sintetizza gli errori tipici degli investitori rilevati dagli esperti di VZ.

Tramite complessi procedimenti, i fondi d’investimento attivi provano a realizzare un rendimento maggiore rispetto a quello del mercato. Questo genera costi elevati, senza dimenticare che in ogni caso i fondi che riescono nell’impresa di superare la performance del loro indice di riferimento sono davvero pochi.

Nei depositi offerti dalle banche raramente si trovano prodotti d’investimento vantaggiosi come fondi indicizzati o ETF, che si limitano a replicare il più fedelmente possibile un indice.

I prodotti della banca erodono parecchio il rendimento

Un ulteriore studio di VZ sul rendimento dei depositi nell’anno del Coronavirus 2020 mette in luce l’impatto di questi prodotti sul rendimento. Secondo questa analisi, il rendimento era tanto più basso rispetto al rendimento medio del mercato quanti più prodotti della banca erano presenti nel deposito. Un deposito composto dal 75 al 100 percento di prodotti propri della banca rende in media il 2,2 percento in meno rispetto a un deposito comparabile costituito da vantaggiosi ETF e fondi indicizzati. Nel 2020, i depositi con prodotti propri della banca tra il 50 e il 75 percento hanno fruttato un rendimento inferiore dell’1,9 percento rispetto alla media del rendimento di mercato.

A smussare i rendimenti dei clienti delle banche non sono solo gli elevati costi dei fondi d’investimento attivi, poiché i fondi di molte banche registrano performance che al massimo rientrano nella media. Molti di essi si collocano persino parecchio alle spalle dei migliori della classe della propria categoria.

Quando i gestori patrimoniali inseriscono nel deposito dei propri clienti prodotti finanziari di altri offerenti, spesso ricevono da questi ultimi delle provvigioni, indirettamente finanziate dai clienti stessi, ad esempio sotto forma di spese di gestione o commissioni d’emissione. Sovente i clienti sono costretti a rinunciare al rimborso di queste spese, dette anche retrocessioni. Anche questo può generare conflitti d’interesse, poiché il gestore patrimoniale sarà tentato di proporre i prodotti sui quali guadagna provvigioni maggiori.

Gestione patrimoniale senza conflitti d’interesse 

I gestori patrimoniali indipendenti come VZ VermögensZentrum non sono vincolati a una banca o a determinate politiche d’investimento che antepongono i propri interessi rispetto a quelli dei clienti. Nei portafogli dei loro clienti inseriscono esclusivamente i prodotti più convenienti, scelti in base a una procedura di selezione oggettiva. Inoltre, i gestori patrimoniali equi riaccreditano le retrocessioni ai loro clienti. Da VZ, ogni cliente riceve regolarmente un conteggio personalizzato sulle retrocessioni relative a ogni prodotto finanziario.